Redazione del POS nei cantieri

Redazione del POS nei cantieri

on dic 21, 2011 in Redazione piano di sicurezza

Le modalità di redazione del POS – Piano Operativo di Sicurezza – vengono descritte nell’art. 89 comma 1 del D.Lgs. 81/08 e nell’allegato XV dello stesso decreto, dove sono indicati i contenuti minimi. La redazione del POS viene effettuata dal datore di lavoro di ogni impresa esecutrice che partecipa alla realizzazione dell’opera. Prima dell’inizio dei lavori il POS deve essere inviato all’impresa affidataria, che poi deve trasmetterlo a sua volta al Coordinatore per l’Esecuzione. Il POS, come il PSC – Piano di Sicurezza e Coordinamento – devono essere messi a disposizione dell’RLS almeno dieci giorni prima dell’inizio dei lavori.

Art. 89 – Il piano operativo di sicurezza: il documento che il datore di lavoro dell’impresa esecutrice redige, in riferimento al singolo cantiere interessato, ai sensi dell’articolo 17 comma 1, lettera a), i cui contenuti sono riportati nell’allegato XV.”

Contenuti minimi del POS

L’allegato XV del Testo Unico per la Sicurezza sul Lavoro riporta i contenuti minimi dei piani di sicurezza, al punto 3 vengono specificati quelli del Piano Operativo di Sicurezza:

  • dati identificativi dell’impresa esecutrice:
    • nominativo del datore di lavoro;
    • indirizzi e riferimenti telefonici della sede legale e degli uffici del cantiere;
    • Specifica attività e le singole lavorazioni svolte in cantiere dall’impresa esecutrice e dai lavoratori autonomi subaffidatari;
    • nominativi degli addetti al primo soccorso, antincendio ed evacuazione, del RLS, aziendale o territoriale;
    • nominativo del medico competente se previsto;
    • nominativo del RSPP;
    • nominativi del direttore tecnico di cantiere e del capocantiere;
    • numero e qualifiche dei lavoratori dipendenti dell’impresa esecutrice e dei lavoratori autonomi operanti in cantiere per conto della stessa impresa.
  • Mansioni inerenti la sicurezza svolte in cantiere da ogni figura nominata dall’impresa esecutrice;
  • descrizione dell’attività di cantiere, delle modalità organizzative e dei turni di lavoro;
  • elenco dei ponteggi, dei ponti su ruote a torre e di altre opere provvisionali di notevole importanza, delle macchine e degli impianti utilizzati nel cantiere;
  • elenco delle sostanze e preparati pericolosi utilizzati nel cantiere e le relative schede di sicurezza;
  • esito del rapporto di valutazione del rumore;
  • individuazione delle misure preventive e protettive, integrative rispetto a quelle contenute nel PSC in relazione ai rischi connessi alle proprie lavorazioni in cantiere;
  • procedure complementari e di dettaglio, richieste dal PSC quando previsto;
  • elenco dei DPI forniti ai lavoratori occupati in cantiere;
  • documentazione in merito all’informazione ed alla formazione dei lavoratori del cantiere.

Se hai bisogno di una consulenza professionale per la redazione del POS contatta PMI Servizi. Mettiamo a tua disposizione la nostra esperienza e la nostra professionalità per farti lavorare in modo sicuro e nel rispetto delle leggi.